Trapianto di cellule staminali di successo grazie a Vita 34

Home / news dal mondo delle staminali / Trapianto di cellule staminali di successo grazie a Vita 34
Trapianto di cellule staminali di successo grazie a Vita 34

Dal mese di aprile uno stagista molto speciale ha iniziato a lavorare per Vita 34 il sedicenne Jan Hömme.

Jan e Arne sono fratelli che hanno qualcosa in comune di molto speciale. Per combattere la sua malattia del sangue, a Jan sono state trapiantate le cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale del fratello minore.

Jan è affetto da anemia aplastica dall’età di 3 anni, una malattia caratterizzata dall’insufficiente produzione nel midollo osseo di cellule del sangue di tutti i tipi o selettivamente di globuli rossi. “Quando Jan è nato, non avevamo idea che potesse essere di vitale importanza per lui conservare il suo cordone ombelicale per applicazioni terapeutiche. La sua malattia ci ha sensibilizzati all’enorme valore delle cellule staminali del cordone ombelicale “, riferisce la madre Annette Hömme. Quando aspettava il suo secondo figlio, i dottori informarono i genitori di predisporre un deposito di cellule staminali per il fratello. I fratelli sono i donatori ideali per le terapie con cellule staminali, perché il rischio di rigetto è molto più basso per il ricevente rispetto ad altri tipi di donatori.

 

 

Quando la salute di Jan peggiorò i medici, presenti alla Scuola di Medicina di Hannover, prelevarono il sangue del cordone ombelicale per il trapianto. Un corriere ha consegnato il prezioso trasporto direttamente tramite corriere al centro trapianti, dove è stato preparato per l’applicazione. Il sangue del cordone ombelicale è stato trapiantato insieme a una piccola quantità di midollo osseo liquido lo stesso giorno. In un tempo relativamente breve, i risultati degli esami del sangue di Jan sono migliorati e ha lasciato l’ospedale con buone prospettive.
Grazie al trapianto di cellule staminali, la qualità della vita di Jan oggi è quasi identica a quella di altri ragazzi che non hanno sofferto di una grave malattia.

La sua esperienza ha stimolato l’interesse di Jan per la scienza e in particolare per la banca di cellule staminali Vita 34. Jan, che ora ha sedici anni e frequenta il liceo, ha quindi iniziato uno stage presso il dipartimento di ricerca e sviluppo di Vita 34 durante le sue vacanze autunnali: ” Non vedo davvero l’ora di incontrare personalmente il team Vita 34 e il suo lavoro. L’applicazione terapeutica delle cellule staminali ha influenzato la mia vita in modo vitale e positivo. Sono molto grato ai miei genitori, a mio fratello e a Vita 34 per questo. “E sarà un’esperienza davvero speciale per i dipendenti di Vita 34 vedere il valore della loro professione davanti ai loro occhi.

Il sito si avvale di cookie per il suo funzionamento.

Consulta la cookie policy